Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Palazzo di Santaella

248
1

Tra le case-palazzo di Écija c’è da segnalare il pazzo dei conti di Puerto Hermoso noto come palazzo di Santaella per il precedente proprietario, come esempio caratteristico dell’architettura locale civile del XVIII secolo.

L’opera, risalente al primo terzo del citato secolo, offre una splendida facciata nella quale risaltano elementi decorativi lavorati in pietra concentrati sul portale, i quali danno un tocco di varietà e ricchezza ai muri spogli, come sono le figure anteposte alle paraste a modo di cariatidi che fiancheggiano la porta, così come quelle del secondo blocco disposte su entrambi i lati del balcone.  Rifinisce la struttura lo scudo araldico della famiglia. 

Un altro elemento che contrasta con i paramenti spogli è la nicchia  svasata che alloggia il retablo decorato con affreschi con la vocazione della Madonna di Valvanera situato su un lato della facciata.  

All’interno, altri elementi da segnalare sono il patio, molto caratteristico delle grandi mansioni barocche di Écija e che presenta doppia arcata e, soprattutto, la scala principale coperta da una monumentale cupola su tamburo con stucchi policromati, che si integrano con decorazioni floreali e paesaggi, ed è un’opera strettamente legata alla facciata del Palazzo di Peñaflor, probabilmente realizzata dalla stessa scuola. È molto interessante anche l’opera di falegnameria di questo palazzo, con magnifiche porte intagliate.

Attualmente è sede della società Tennis Club Écija.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.