Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di Nuestra Señora de la Asunción (Parrocchia di Santo Domingo)

86
2

Nel 1531, il IV Conte di Ureña consegnò l’antico eremo di San Sebastián e l'annesso ospedale ai frati dell’Ordine dei Predicatori affinché fondassero il loro convento. Sembrerebbe che il Conte abbia fatto mettere per iscritto che l’eremo non venisse demolito bensì incorporato nella nuova Chiesa. La sua costruzione definitiva risale al 7 marzo 1547. Nonostante venne costruita nel XVI secolo, nei secoli XVII e XVIII vennero realizzati dei restauri.

Presenta due facciate. L’interno è a una sola navata con volta a botte che sostituisce un soffitto a cassettoni mudéjar scomparso. Il presbiterio è posto leggermente sopra alla navata e presenta volta a crociera. A entrambi i lati della cappella maggiore troviamo le cappelle laterali con cupole su pennacchi.

Il retablo maggiore, composto da predella, due corpi a cinque sezioni con colonne corinzie e attico, è un’opera di Diego de Velasco e Jerónimo Hernández nel 1582. È presieduto da una scultura di Santo Domenico penitente.
 
Di grande interesse sono i due retabli con tavole di Antonio de Alfián del 1564. Di questi, quello della Madonna di Betlemme conserva l’opera scultorea di Lorenzo Meléndez.

Nel coro si conserva uno stallo composto da 27 posti a sedere con gli schienali decorati con rilievi di santi domenicani, risalente al XVII secolo. L’organo risale al XVIII secolo.

Inoltre, nella parte superiore è possibile visitare un museo d’arte sacra con oggetti di grande valore appartenenti alla parrocchia. L’ingresso è gratuito.

Orario

Inverno:
Martedì-sabato: 10:30-13:30 e 17:30-20:30 (Orario di culto: 19:30).
Domenica: 10:30-13:30 (Orario di culto: 12:30).
Lunedì: Orario di culto: 19:30.

Estate:
Martedì-sabato: 10:30-13:30 e 18:00-21:00 (Orario di culto: 20:00)
Domenica: 10:30-13:30 (Orario di culto: 12:30)
Lunedì: Orario di culto: 20:00.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.