La provincia de Sevilla

La nostra provincia

Vita e paesaggio in una provincia diversa e monumentale

Fuentes de Andalucía

663
156

Fuentes de Andalucía, una città con tradizioni uniche

Alegra, piena di vita e accogliente, questa è la località sivigliana di Fuentes de Andalucía. Tra i fiumi Genil e Corbones si erge questo splendido angolo della Campiña, circondato da campi di ulivi e cereali. Venite a scoprire un borgo autentico che ancora conserva molte delle sue tradizioni rurali. La sua antichissima storia, fatta di gente semplice, viene suggellata nel secolo XIX dall’unione di due importanti signorie: il marchesato di Gome de Fuentes Guzmán, al quale deve il nome; e il feudo della Monclova, appartenente a Gil Bocanegra. 

L’eredità di questa città, dichiarato Patrimonio di Interesse Culturale, riveste un grande interesse: varie chiese ed edifici barocchi, oltre a due castelli medievali. Uno è integrato nel centro urbano e l’altro, il Castello della Monclova, ubicato fuori dalla città, è un autentico gioiello architettonico.

Durante la vostra visita dovere gustare la sua deliziosa gastronomia, a base di stufati fatti in casa e carni alla brace, in tutti i ristoranti della località. Apprezzerete soprattutto il dolce tipico di Fuentes de Andalucía: l’“entornao”. E non perdetevi le sue feste: la più attesa è il Carnevale, catalogata come Festa di Interesse Turistico dell’Andalusia, alla quale partecipano tutti gli abitanti. Vestitevi con il travestimento tipico del luogo: ‘la máscara’, un vestito tradizionale preparato con lenzuola e imbottito con cuscini per non essere riconosciuti. 

A Fuentes de Andalucía conoscerete un luogo in cui il divertimento, la buona tavola e la cultura sono garantiti. 


Come arrivare

Se arrivate in auto da Siviglia dovete prendere la A-4 l’uscita 482 in direzione La Campana/Fuentes de Andalucía, fino a giungere a destinazione. 

Se avete sceto il treno come mezzo di trasporto, la stazione più vicina è a Marchena e da qui potete prendere un taxi fino a Fuentes de Andalucía, che dista circa 16 chilometri. In autobus invece potete servirvi delle linee dirette a Fuentes del Gruppo Valenzuela nella stazione Prado de Sevilla. 


Come muoversi

Questa località è facile da visitare passeggiando per le sue strade. Potete anche praticare trekking o montare a cavallo attraverso la Vía Verde de La Campiña.


Luoghi di interesse

  • Conoscete il “secolo d’oro” della provincia attraverso il Centro di Interpretazione Barocco di Fuentes de Andalucía. 
  • Scoprite l’impressionante Castello della Monclova e i resti del’antica città turdetana di Obúlcula.
  • Assaporate il tortino di zucchero e cannella tradizionale di Fuentes, noto come ‘entornao’.
  • Accarezzate un cavallo di Pura Razza Spagnola nei quattro allevamenti di Fuentes, tutti premiati e di fama internazionale. 
  • Divertitevi durante il Carnevale originale a Fuentes de Andalucía con le “máscaras” e le “murgas”.
  • Prendete un anice Rigo della storica distilleria locale e gustatelo assieme a “uova alla flamenca”1, uno dei piatti tipici di Fuentes. 
  • In primavera, ammirate vedute uniche della Campiña coperta di margherite e papaveri. 
  • Visitate Los Altaritos (altarini, Ndt) della festività del giorno di San Giovanni. Una maniera diversa per celebrare l’arrivo dell’estate. 


Cosa visitare 

Situate il vostro punto di partenza in Plaza de España, dove vedrete nascosto dall’arredo urbano quello che fu il Castello del Hierro, di origine araba. Da questa struttura difensiva spicca la Torre del Homenaje. All’altra estremità della piazza potete visitare il Municipio, dalle costruzione neoclassica, e vicino ad esso la Chiesa Santa María la Blanca. È l’edificio principale di Fuentes, la cui decorazione a colonne e “azulejos” policromi della torre ne evidenziano la chiara tendenza barocca. 

Continua il percorso lungo calle San Sebastián, una delle più belle del borgo. Perditi nei dintorni e scopri autentici palazzi signorili del secolo XVIII. Sono tipici di queste case i belvedere, una specie di torrette che servivano per osservare la campagna e vigilare i raccolti. Ad esempio al numero uno della Calle Carrera avete un esempio della tipica abitazione barocca. In questa stessa via troverete la bella Cappella dell’Aurora, un’immagine molto venerata dagli abitanti del luogo. Ma se vi piace la storia dell’arte, dovete visitare la Chiesa di San Giuseppe, che ospita la prima opera di Juan de Mesa dopo avere lasciato la bottega del suo maestro Juan Martínez Montañés.

Altri edifici barocchi di Fuentes sono attualmente abilitati per finalità pubbliche, sebbene si possano visitare. È il caso della Casa dei Fernández Peñaranda, oggi adibito a collegio; l’antico granaio, utilizzato come casa di riposo; o quello che fu l’Ospedale della Carità, dove oggi si trova il Museo di Interpretazione del Barocco.

Terminate visitando i dintorni della località e lasciandovi impressionare da un luogo unico, il Castello della Monclova, ubicato nell’antica città turdetana di Obúlcula e all’interno di questa tenuta vedrete esposti alcuni resti ritrovati. Potete anche concludere la visita con una rilassante passeggiata lungo la Vía Verde de la Campiña, a piedi o a cavallo. A Fuente de Andalucía vi sono quattro allevamenti di purosangue spagnoli riconosciuti a livello internazionale.

Riposatevi degustando la ricca gastronomia locale e brindate con il tradizionale anice delle Distillerie Rigo.


Luoghi da visitare

  1. Antico Granaio, oggi Casa di Riposo
  2. Municipio
  3. Plaza de España
  4. Casa dei Fernández Peñaranda (collegio)
  5. Case Signorili barocche di C/ Fernando Llera, 9; di C/ Carrera, 1; la casa degli Escalera e la casa di C/ Lora, 8
  6. Castello della Monclova
  7. Castello del Hierro
  8. Santuario dell’Aurora
  9. Santuario del Calvario
  10. Fuente de la Reina
  11. Chiesa Conventuale dell’Incarnazione
  12. Chiesa Conventuale di San Francisco
  13. Chiesa Conventuale di San José
  14. Chiesa Parrocchiale Santa María la Blanca
  15. Centro di Interpretazione del Barocco. Casa della Cultura
  16. Museo della Vera Cruz
  17. Parco Naturale Mulino a Vento e Santuario in onore di Maria Ausiliatrice
  18. Museo Archeologico


Dintorni

Fuentes de Andalucía dista 66 chilometri dal capoluogo sivigliano. Insediato nella regione La Campiña, tra i fiumi Genil e Corbones, è punto di confluenza dei comuni di Carmona, Écija, Osuna e Marchena. Il suo paesaggio è una pianura dove predominano le coltivazioni di ulivi, cereali ed erbacei. 

Territorio
La Campiña
Estensione
150.00 Km²
Altitudine
183.00 m
Nº abitanti
7.139
Etichette

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.