Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Pozos de la Nieve

648
1

È sicuramente il principale edificio rustico di carattere civile per la sua importanza storica. Situato a 2 chilometri, vicino all’incrocio delle strade che vanno verso Cazalla de la Sierra e San Nicolás del Puerto (A-455), l’edificio è composto da un grande salone, diviso in tre navate da due serie di archi a tutto sesto.

Nello stesso si conservano altre due navate: i due pozzi dove si conservava la neve, coperti con una volta nel 1760-1761. Fino all’inizio del secolo esisteva una stanza dedicata alla cappella della Madonna delle Nevi. Il portale presenta un aspetto di edificio religioso dato che è formato da una ghimberga con elementi classici e torre. Nella facciata appare uno scudo di Siviglia, risalente al 1696. Questi pozzi infatti appartennero tradizionalmente a quella città, come manifesta una lapide sulla quale si racconta come durante il regno di Carlo II vennero acquistati tali pozzi con le loro cisterne e acqua (1684), ottenne il privilegio di S.M. per conservare la neve (1694) e venne ordinato di realizzare dei lavori (1699).

Il ghiaccio che si fabbricava in modo naturale e veniva conservato nei pozzi, veniva trasportato con animali di notte, per essere venduto a Siviglia, e quello che avanzava si portava ai paesi vicini, ad un prezzo inferiore. Il comune aveva un magazzino freddo, che serviva come deposito, dove il ghiaccio era ben coperto da paglia. Dicono le cronache dell'epoca che da qui si servivano le Comunità, la Fabbrica di Tabacco, ecc., e i privati che compravano più di un quarto di arroba. Gli altri dovevano comprare il ghiaccio dai venditori ambulanti.

Questo edificio, oggi proprietà privata, è stato ristrutturato come alloggio rurale rispettando il suo stile originale e la tradizione. Questo gli ha permesso di ottenere la menzione speciale a livello europeo (2006) per il suo contributo alla Conservazione del Patrimonio Culturale, così come al Premio alla Conservazione del Patrimonio concesso dall’Eccellentissimo Comune di Constantina (28 febbraio 2007).

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.