Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa Parrocchiale San Pietro Apostolo

135
1

Edificio dichiarato Bene di Interesse Culturale. È in stile barocco, nella fase della transizione al neoclassicismo. Fu costruito nel 1780 su una precedente chiesa in stile mudéjar che dovette essere demolita a causa dei danni subiti durante il terremoto di Lisbona (1755). La sua costruzione terminò nel 1801.

La prima fase è stata realizzata dall'architetto Antonio Matías de Figueroa, con Antonio Caballero, un capomastro di Écija che ha scolpito i portali nord e sud. La seconda fase iniziò dopo che i lavori si interruppero nel 1788 a causa di un difetto nella struttura della cupola. Si riprese nel 1794 sotto la direzione dell'architetto della diocesi di Siviglia José Echamorro, che lo concluse ed eresse la torre.

Si tratta di una chiesa a sala, a tre navate e testata piatta. Le navate sono coperte da volte a padiglione e la crociera da una ariosa cupola su pennacchi, con decorazioni in gesso. Esternamente la cupola presenta un tamburo con finestre e una semisfera, costruita con mattoni disposti orizzontalmente a forma di spirale dentata, completando l'insieme una lanterna adornata con pilastri. 

All'interno, spiccano un Crocifisso del XVI secolo, situato nella parte anteriore della navata dell'Epistola, la pala d'altare maggiore neoclassica e la pala d’altare decorativa della Cappella Sacramentale, scolpita e dorata in pieno splendore barocco, decorata con colonne salomoniche e con dipinti a olio su tavola, la cui iconografia rimanda ai Misteri del Rosario. Un’opera notevole è anche l'organo nella parte alta del coro, che venne montato nella chiesa nel 1801. 

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.