Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa Parrocchiale di San Vicente Mártir

247
0

La chiesa di San Vicente Mártir fu costruita tra il 1703 e il 1711 a spese di Francisco José de la Plata y Ovando, cavaliere dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme e commendatore di Tocina, sull’antico terreno di una chiesa e di un ospedale.

È un edificio di grandi dimensioni, di aspetto barocco, con tre portali, due sui lati e uno sulla facciata rifinita da due torri gemelle, decorate con piastrelle cuenca policromatiche lisce.

L’edificio presenta tre navate sostenute da pilastri con archi a tutto sesto. Il suo soffitto è a botte sulla navata centrale e a crociera su quelle laterali.

All’interno, il retablo dell'altare maggiore venne concluso verso il 1719. È composto da due corpi e al centro ospita le sculture di San Giovanni Battista e di San Vincenzo di metà del XVII secolo. Sui lati, troviamo le immagini dei santi di Tocina: San Océano, San Juliano, San Amiano e San Teodoro.

Sul tabernacolo, spicca la Virgen de la Aurora, e nelle cappelle del Tabernacolo ci sono tre retabli di Sant’Anna e San Giuseppe, dell’inizio del XVII secolo. La navata del Vangelo presenta altri due retabli, uno con una tela della Divina Pastora, costruita nel 1741.

Nella navata del tabernacolo c’è da segnalare il retablo realizzato nel XVIII secolo e dedicato al Cristo delle Anime, con una tela di grandi dimensioni nella quale è rappresentata la crocifissione di Gesù, sopra la quale è stata collocato un Crocifisso (opera attribuita a Juan de Mesa). Troviamo anche sculture tra cui spiccano un Cristo Risorto e un gruppo scultoreo con Sant’Anna e la Madonna Bambina, attribuite allo stesso autore.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.