Romerías

Siviglia ti fa innamorare

L’"Itinerario Castelli di Siviglia, incontro di culture" svela il prezioso patrimonio architettonico e storico di questi gioielli che ospitano molti comuni della provincia e rivelano al visitatore i resti viventi della storia distribuiti in tutta la geografia sivigliana.

Fin dall’epoca musulmana, la difesa di Al-Ándalus era un obiettivo primario, per cui si eressero castelli in fortificazioni situate in luoghi strategici. La maggior parte di essi ha alle spalle più di sei secoli. Testimoni del Medioevo, furono innalzati dal popolo arabo per difendersi dai cristiani che lottavano per la Reconquista.

Fin dall’epoca musulmana, la difesa di Al-Ándalus era un obiettivo primario, per cui si eressero castelli in fortificazioni situate in luoghi strategici. La maggior parte di essi ha alle spalle più di sei secoli. Testimoni del Medioevo, furono innalzati dal popolo arabo per difendersi dai cristiani che lottavano per la Reconquista.

Fin dall’epoca musulmana, la difesa di Al-Ándalus era un obiettivo primario, per cui si eressero castelli in fortificazioni situate in luoghi strategici. La maggior parte di essi ha alle spalle più di sei secoli. Testimoni del Medioevo, furono innalzati dal popolo arabo per difendersi dai cristiani che lottavano per la Reconquista.

Fin dall’epoca musulmana, la difesa di Al-Ándalus era un obiettivo primario, per cui si eressero castelli in fortificazioni situate in luoghi strategici. La maggior parte di essi ha alle spalle più di sei secoli. Testimoni del Medioevo, furono innalzati dal popolo arabo per difendersi dai cristiani che lottavano per la Reconquista.

L'Arco del Postigo del Aceite, è l'unico che si conserva dei tre accessi esistenti delle vecchie mura arabe di Siviglia. La sua origine risale all'anno 1107, ai tempi di Ben Yusuf, anche se fu fortemente modificato nel XVI secolo da Benvenuto Tortello. Le mura continuavano attraverso l'attuale Plaza del Cabildo, che conserva ancora un piccolo pezzo delle antiche mura.

Le Muraglie Hins-Alfaray sono una delle principali vestigia della popolazione islamica, che si insediò in questo territorio nel XII secolo, durante il periodo almohadi. Si trattava di un recinto fortificato, un circuito di muraglie che circondavano la torre di vedetta principale e che servivano a difendere l'insediamento.