turismo activo

Turismo attivo

Sfida te stesso in un ambiente naturale senza pari

Itinerario degli eremi: Guadalcanal - Alanís

87
3

Guadalcanal

Nonostante il rinvenimento di vestigia iberiche e la tesi di alcuni storiografi che sostengono che Guadalcanal sarebbe la Teresi nominata da Plinio il Vecchio nella sua Storia Naturale, il primo importante insediamento in questa città risale al periodo arabo, con il nome di Wad al-Qanal, che significa "fiume del canale” o, secondo un'etimologia popolare,“ fiume della creazione ”. La storia di Guadalcanal è sempre stata legata al concetto di confine, di delimitazione tra territori, motivo per il quale venne dotata di potente fortificazione. Nei pressi della Parroquia de la Asunción furono rinvenuti resti della sua muraglia.

Nel 1241 fu strappata al dominio arabo da Rodrigo Íñiguez, quindicesimo Maestro dell'Ordine di Santiago, e fino al 1833 appartenne all'Estremadura, che ne influenzò l'architettura e l'etnografia.

Il suo centro storico è ricco di splendidi esempi di architettura religiosa e civile. Un buon esempio ne è la Chiesa di Santa Ana. Guadalcanal ha ispirato il nome di una delle Isole Salomone, l'isola di Guadalcanal, battezzata così da Pedro de Ortega Valencia, nativo di questa città e ufficiale della spedizione nel Pacifico di Alvaro de Mendaña, dal 1567 al 1569.

Non c'è posto migliore per iniziare il nostro lungo viaggio dell'eremo Cristo de la Salud. Situato fuori le mura di Guadalcanal, a circa 300 metri dalla zona nord della città, sia l'eremo che l'annesso Humilladero risalgono al XVIII secolo. I viaggiatori che percorrevano questa strada si fermavano in questo santuario per implorare fortuna nel viaggio di chi partiva o per ringraziare per chi era tornato. Era decorato con piastrelle e ospitava un crocifisso, sotto il quale un cartiglio avvisava che il cardinale Solís, arcivescovo di Siviglia, concedeva cento giorni di indulgenze a coloro che recitavano un credo davanti a questo Cristo. Attualmente se ne conserva una copia nella chiesa di Santa Ana.

A 11 chilometri dal paese, situato nell'estremo nord-est del territorio comunale, troviamo l'eremo di Nuestra Señora de Guaditoca, patrona della città. Il Santuario fu costruito nel 1647, è strutturato a navata unica suddivisa in più sezioni da pilastri e archi semicircolari. Le volte a crociera si alternano a una cupola ellittica. La decorazione architettonica è eseguita sulla base di elementi toscani. La ricchezza decorativa è eccezionale, con dipinti murali originali, realizzati da Juan Brieva de Llerena, risalenti agli inizi del XVIII secolo.

Fuori le mura è situato l'eremo di San Benito Abad. Il corpo dell'edificio si elevava mediante quattro archi in laterizi, con rivestimento in legno grezzo e tetto a due spioventi. Questo eremo è una costruzione mudéjar, forse della prima metà del XV secolo. È composto da una navata coperta da volta a botte e lunette, calotta sferica nell'anti-presbiterio e cupola nel presbiterio stesso. Sulla parete del Vangelo c'è un portale con arco a sesto acuto e su quello dell'Epistola c'è una porta mudéjar di epoca tarda. Attualmente è proprietà privata, ma i proprietari sono disponibili a ricevere visitatori.

Iniziamo la nostra singolare avventura a Guadalcanal, località di montagna degli eremi per eccellenza. Iniziamo l'itinerario per l'eremo Cristo de la Salud dopo esserci recati al suo Humilladero per implorare fortuna per il nostro viaggio e ringraziare per chi ha fatto ritorno, come vuole la tradizione.

Una volta in viaggio, inizieremo a scoprire il paesaggio della Sierra Norte di Siviglia, che costituisce solo una parte della nostra Sierra Madre, la romantica Sierra Morena andalusa. Usciremo dal paese per addentrarci tra gli oliveti; anche se a poco a poco entreremo in alcune zone di praterie e sottobosco, gli ulivi continueranno a essere presenti, sorprendendoci per la loro capacità di adattamento ai terreni scoscesi.
Lungo una strada piacevole e in maggior parte in discesa, raggiungeremo la strada SE-165, dopo aver attraversato il torrente Arroyo de los Barrancos, all'altezza di Casillas Nuevas de la Urbana.

Una volta lasciata la strada, alternando viottoli e sentieri, attraverseremo il paesaggio che finora abbiamo ammirato nel senso opposto. Da un'ampia prateria, ci addentreremo tra gli oliveti mentre ci avvicineremo ad Alanís de la Sierra, le cui case imbiancate e il castello diverranno visibili pochi chilometri prima di raggiungere la fine della nostra tappa. Giunti in città, cercheremo la Plaza del Ayuntamiento e faremo il giro della chiesa, risalendo per la calle Jesús. Eccoci arrivati all'eremo Jesús Nazareno.

URL Pianificatore di itinerari
Categoria
Tracciato
Difficoltà
Lunghezza
16.65Km
Etichette

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.