Écija Palacio Peñaflor

Siviglia ti fa innamorare

Del XIX secolo e in stile neoclassico. La chiesa di Santa María Magdalena fu costruita su un precedente tempio (Eremo di Nuestra Señora de la Soledad) del XIV secolo, fatto demolire dal conte di Altamira nel 1800. La chiesa, a pianta rettangolare, è composta da tre navate. La navata centrale, più grande rispetto a quelle laterali, presenta volta a botte mentre quelle laterali volte a crociera.

Nell’ambito dell'architettura civile spiccano l'Antica Casermetta e la Casa Parrocchiale, entrambe del XVIII secolo.

Le relative piante rispondono alla struttura tipica di una casa dell'epoca attorno ad un patio centrale, a due piani. Il piano superiore presenta una galleria che assolve alla funzione di distribuzione delle dépendance.

Fu eretta nell'ultimo terzo del XVI secolo. Costruita con muratura e conci, è costituita da un'unica navata con contrafforti esterni e testata poligonale. La pala dell'altare maggiore è in stile neoclassico, è ricomposta e contiene immagini moderne, come la Madonna dell’Oliva, realizzata da Sebastián Santos, e patrona del paese.

Risalente al XVIII secolo, è una costruzione in stile popolare sebbene con evidenti connotazioni neoclassiche. Presenta pianta a croce latina e una sola nave con volta e cupola semisferica. L'altare maggiore è presieduto dall’immagine di Nuestra Señora de la Asunción, nota popolarmente come Virgen de la Aurora. 

Magnifico edificio di passaggio dal barocco al neoclassicismo, costruito nel 1755.

Questa chiesa venne edificata verso la fine del XVIII secolo sotto il patrocinio dell’Immacolata Concezione. Dipende, a livello ecclesiastico, dalla parrocchia Purísima Concepción. Nel 1887 passò alla funzione di deposito dell’acqua e venne impiegata per i bagni termali fino alla Guerra Civile Spagnola.

Tempio neoclassico originario del XV secolo. Possiede al suo interno interessanti elementi decorativi, sculture e pitture che risalgono al XVII e XVIII secolo. Le sue origini vanno probabilmente situate nella prima metà del XV secolo quando venne fondato un eremo dedicato alla Vergine della Consolazione. Attorno alla chiesa vennero erette case abitate da lavoratori dei campi circostanti.