Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa Parrocchiale di San Martino di Tours

163
1

In stile barocco, costruita nel XVIII secolo, presenta due portali di accesso: quello principale davanti all'altare maggiore, molto vicino alla torre, e il secondo nel lato dell'Epistola. Il campanile è in mattoni, in stile mudéjar. È annesso alla facciata e assomiglia molto alla vicina torre di Umbrete eretta da Diego Antonio Díaz.

La pala dell'altare maggiore è in stile neoclassico. Comprende sculture di San Giovanni Nepomuceno, San Luca, San Cristoforo e, nella cimasa, il titolare, San Martino di Tours, tutte Immagini risalenti ai secoli XVII e XVIII. L’insieme si completa con una piccola scultura lignea di un Crocifisso.

Sulla parete sinistra si trova l'interessante pala d'altare della Concezione, realizzata nel secondo terzo del XVII secolo e presieduta da una Addolorata, della scuola granadina del XVIII secolo. Negli scomparti laterali della stessa ci sono quattro dipinti di Francisco de Zurbarán, datati tra il 1640 e il 1645. La Chiesa custodisce altri dipinti rilevanti, come una Divina Pastorella, vicina ad Alonso Miguel de Tovar, o una Madonna dell’Antica, che ricorda lo stile di Domingo Martínez. Rilevante anche una tela del XVII secolo, situata nel presbiterio, che rappresenta l'Albero di Jesse, e una Pietà, del XVIII secolo, molto vicina a questo quadro.

La più grande ricchezza artistica della chiesa parrocchiale di San Martino di Tours risiede nei suoi numerosi e pregiati dipinti. Tra tutti, spiccano, senza dubbio, le quattro tele realizzate da Francisco de Zurbarán, collocate nella pala d'altare della Concezione, sebbene la Chiesa custodisca altre magnifiche opere d'arte.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.