Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di Nuestra Señora de Consolación

120
1

La chiesa di Nuestra Señora de Consolación, patrona di Umbrete, è uno dei migliori rappresentanti dell’architettura sivigliana nota come “barocco popolare”, in contrapposizione al “barocco colto” seguito dai principali artefici andalusi nel XVII secolo.

Il suo progetto appartiene all’architetto Diego Antonio Díaz, il quale concepì un tempio dalle dimensioni desuete per l'epoca e il luogo; la sua pianta a salone, con una sola navata, cappelle laterali con tribune e un’ampia crociera, si ispira al modello di chiesa gesuita creato da Vignola.

Possiede un’alta torre campanile affiancata alla pianta nel suo angolo nord-occidentale, e un’altra più piccola sul lato meridionale della facciata principale detta “del reloj”, mentre la crociera presenta una grande cupola semisferica su pennacchi.

Al suo interno spicca una serie di retabli in legno dorato realizzati da Felipe Fernández del Castillo tra il 1733 e il 1740, tra i quali risalta il grande retablo maggiore, il cui disegno è opera dello scultore Pedro Duque Cornejo.

È tale l’importanza di questa chiesa, sia per la sua maestosità che per la sua ricchezza, che è conosciuta come la “Cattedrale dell’Aljarafe”. L’arcivescovo Luis de Salcedo y Azcona fece costruire nel 1725 una nuova chiesa di grandi proporzioni che avrebbe sostituito la prima chiesa del comune. Conclusi i lavori nel 1733, lo stesso anno il capomastro dell’arcivescovato ricevette l’incarico di progettare un Arco che collegasse la Chiesa al vecchio palazzo, il quale verrebbe restaurato dallo stesso architetto dal 1735. Tutti questi elementi, la Chiesa, l’Arco e il Palazzo Arcivescovile, formano uno splendido complesso monumentale nel centro storico di questo municipio.

Orario

Si può visitare attraverso l’Ufficio Turismo di Umbrete. 

Etiquetas

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.