turismo activo

Turismo attivo

Sfida te stesso in un ambiente naturale senza pari

Itinerario degli eremi: Alanís - S. Nicolás del Puerto

62
3

Alanís

Appena entrati nel Parco Naturale noteremo su di una collinetta la sagoma di Alanís. Il suo castello medievale situato sulla vetta e l'eremo di San Juan costituiscono l'immagine più rappresentativa della città.
Sebbene alcuni storiografi ne situino le origini a opera delle popolazioni celtiche, il germe dell'attuale paese è individuabile solo in epoca islamica. Gli arabi ne conformarono la toponomastica e battezzarono la località Al-Haniz (terra fertile e prospera). Il nome stesso spiega i motivi per cui fu tanto conteso e ambito questo territorio nel corso della storia. Il castello ha vissuto eventi come la Riconquista cristiana nel 1249, condotta da Fernando III, l'assedio nel 1472 da parte del duca di Medina Sidonia contro la difesa del Marchese di Cadice, o la ricostruzione e l'assalto da parte dei francesi nel 1808.

L'eremo Las Angustias fu eretto in ricordo della vittoria ottenuta dai cristiani contro i musulmani, a 200 metri dal paese, nella cosiddetta Valle di Matamoros. La costruzione è composta da tre sezioni e un atrio. La prima sezione fu edificata nel XVII secolo e su di essa è visibile una lapide con l'iscrizione 1656. All'interno è custodita e venerata l'immagine della Madonna Addolorata, patrona del paese, la cui statu originale fu distrutta durante la Guerra Civile, per cui fu sostituita da quella attuale, opera dello scultore Castillo Lastrucci. L'eremo fu ricostruito nel XVIII secolo.

Nel centro urbano troviamo vari eremi, come quello di Jesús Nazareno. Questo edificio appartenne all'antico Hospital de la Caridad, oggi scomparso; al suo interno è presente una pala d'altare in stile barocco. In questa cappella, di bellezza semplice e austera che invita cittadini e visitatori a raccogliersi in preghiera c'è la raffigurazione di Gesù Nazzareno a cui è consacrata una delle confraternite di penitenza più apprezzate della città. Abbiamo anche l'eremo di San Juan, considerato la prima parrocchia della città ed eretto sotto l'ombra e la protezione del castello. Architettonicamente, è un edificio a navata unica, con pianta rettangolare suddivisa in quattro sezioni per mezzo di archi trasversali a sesto acuto - modello architettonico ampiamente diffuso nell'architettura medievale nelle zone di montagna di Cordova, Siviglia e Huelva - e sormontato da un curioso abside semicircolare , più tipico del romanico che del mudéjar andaluso, il tutto sovrastato da tetto in legno. Attualmente è la sede della Casas de las Artes, spazio dedicato alle arti sceniche.

Per gran parte del percorso, attraverseremo praterie pianeggianti dove i lecci (Quercus Ilex) si mescolano alle querce da sughero (Quercus suber) e i terreni vengono plasmati fin dall'antichità dalle mani dell'uomo a uso degli allevamenti di bestiame. Dedichiamo quindi la giornata a goderci la passeggiata, a rimettere ordine nei nostri pensieri o ad imparare i tipici lavori del mondo rurale. A seconda della stagione in cui realizziamo il viaggio, potremo osservare lo svolgimento di lavori agricoli di vario tipo, dalla marcatura o potatura dell'olivo, alla rimozione del "ramón" o ramaglie e soprattutto il momento di punta, quello della vendemmia, generalmente in dicembre o gennaio. Sulle praterie, l'autunno si presenta come la stagione di maggior splendore di questo straordinario paesaggio montano, coincidente anche con la maturazione del suo frutto: la ghianda. Se stiamo facendo il tragitto a piedi, in quei mesi saremo spettatori di una spettacolare pioggia di ghiande che farà la gioia del maiale iberico, durante il tradizionale pascolo in montagna. Gran parte del percorso sarà effettuato lungo la strada Fuente Robledo e per la strada Los Cascajales che offrono un buon fondo stradale e un percorso chiaro in cui difficilmente ci perderemo.

San Nicolás del Puerto

Entreremo a San Nicolás del Puerto attraverso calle Charca de los Fresnos e avanzando di pochi metri per entrare in città, scopriremo l'unica spiaggia fluviale della provincia di Siviglia. Spiaggia situata sul letto del torrente Arroyo de los Parrales e, se il tempo lo permette, potremo rinfrescarci nelle sue acque o fare uno spuntino in uno dei suoi chioschi tematici prima di visitare l'Eremo di San Diego.

URL Pianificatore di itinerari
Categoria
Tracciato
Difficoltà
Lunghezza
14.17Km
Etichette
[]

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.