Mantecados

Siviglia, bella e diversa

Questa via corrisponde all'antico sentiero o tratturo che collegava Gines ad altri paesi della regione e alla stessa città di Siviglia. Come edificio più rappresentativo, troviamo la Hacienda de Liendo o Torrenueva.

In questa via possiamo trovare le Case delle Fratellanze locali, quella Sacramentale e quella della Madonna del Rocío. Entrambi gli edifici sono di recente costruzione.

Vicolo coperto e non molto grande, situato vicino alla Parrocchia di Santa Ana. La sua attrattiva sta nella costruzione di tipo popolare, che si risolve mediante la successione di arcate in mattoni a vista che contrastano con il bianco delle sue pareti. Di solito presenta piante e fioriere della cui cura si occupano gli abitanti del paese.

Il centro della Valle de la Osa, sul fiume della località che scorre nascosto alla vista del passante, è di costruzione più recente, tra il XV e XVIII secolo. Questa zona è costituita da vie più ampie, adattate alla zona di pianura e che mostrano il potere economico di proprietari terrieri, commercianti e industriali dell’epoca.

Nonostante faccia parte di una costruzione destinata ad abitazione, secondo quanto si deduce da alcune pietre, oggi si può interpretare come fosse una costruzione indipendente.

Una delle via più belle di Osuna è questa salita situata ai piedi della barocca torre della Merced. Salendo lungo la stessa, tra edifici in pietra estratta dalle cave di Osuna, si arriva al Camino de la Buena Vista, dove si può ammirare un eccellente panorama sul municipio e sulla campagna sivigliana.

Parallela alla Calle San Pedro, monumentale e artistica, troviamo sempre in leggera pendenza l'antica Calle Sevilla. La sua prospettiva è unica. Presieduta dall’immensa mole della Collegiata, questa via sembra partire dalla stessa area di fichi che circonda il primo tempio di questa località.

Il centro storico di Osuna è il miglior conservato dell’Andalusia e per questo la città è stata dichiarata Complesso Storico Artistico nel 1967.