ROCÍO-El Viso del Alcor

Siviglia ti fa innamorare

La sua origine si deve probabilmente ad un intervento pubblico di miglioramento urbano realizzato all’incirca nel 1927. È formata da una vasca o bacino inferiore dalla pianta ottagonale e pareti dritte e costruita in pietra di diaspro rossiccio, che supporta al centro un ricettacolo centrale dalla pianta quadrata, dove si trovano i rubinetti che alimentano di acqua la fontana.

È una delle più antiche del Comune, situata in calle Olmo, vicino all'Avenida de Andalucía, il viale principale prossimo alla superstrada per Siviglia. Si tratta di una fonte costruita in marmo bianco con tre rubinetti che riversano in una pila. È costituita da un frontale annesso ad una casa e sormontato da tre sfere.

Il lavatoio pubblico si trova all'incrocio tra avenida de Andalucía e calle del Matadero e rappresenta un esempio unico, nella provincia di Siviglia, che l'architetto risolse ingegnosamente in un angolo non molto ampio. Come descritto da P.A.

La sua sorgente è nella Sierra del Tablon, con acqua fresca d'estate e tiepida d'inverno e dal sapore molto buono che, dopo aver servito da abbeveratoio per gli animali, è usata per irrigare un orto. Il suo nome deriva dal Duca di Osuna, proprietario di questi fondi secoli orsono.

Questa fonte si trova alle falde del Castello di Ferro, a 1 km dal centro abitato, imboccando la strada A-363 in direzione Olvera.

Si tratta di un antico abbeveratoio per il bestiame, dove le donne di Pruna andavano a fare il bucato. Sono presenti anche alcuni pozzi, attualmente a secco, da cui si riforniva il paese e si irrigavano degli orti.

La Fonte della Alamedilla, nota anche come Fonte delle Otto Cannelle, si trova in Plaza de la Resolana, accanto al Parque del Cristo de los Afligidos, nella città di Utrera. È una antica fonte restaurata, a pianta ottagonale, e con una copertura a mo’ di tempietto. La copertura è adornata da pannelli di azulejos sivigliani ed è sorretta da otto archi a tutto sesto.