La provincia de Sevilla

La nostra provincia

Vita e paesaggio in una provincia diversa e monumentale

El Ronquillo

186
3

El Ronquillo, piccolo paradiso tra due fiumi

Sulla Vía de la Plata e a soli 20 minuti dal capoluogo si trova un villaggio immerso nella natura: El Ronquillo. Tra due fiumi, Huelva e Cala, sorge questa splendida cittadina, le cui origini sono suggestive proprio come l’ambiente che la circonda. Proprio qui, nel secolo XV, si trovava la famosa Locanda El Ronco che, assieme al soprannome del suo afono proprietario1, ha dato il nome al villaggio.

Questo angolo meraviglioso è stato scelto da sempre come luogo di rifugio e riposo per il viaggiatore. Sebbene piccolo, il villaggio è molto bello e offre anche una grande varietà di attività all’aria aperta. Potete praticare il trekking lungo la Vía Verde, pescare carpe nei Laghi del Serrano, salire sui monti in bicicletta o cercare la tranquillità nella Diga La Minilla. 

Altre attrattive sono la gastronomia, con piatti a base di carne di cacciagione e di funghi, specialità offerte da tutti i locali cittadini. La gente è cordiale e molto accogliente, e vi farà sentire come a casa vostra. 

Cosa aspettate? Scoprite questo paradiso sivigliano, ideale per il turismo rurale.


Come arrivare

In auto potete attraversare la Vía de la Plata, la A-66, e prendere l’uscita 771 verso la N-630 fino a destinazione. 

Dall’Estremadura prendete la A-66 deviando per l’uscita 768 direzione El Ronquillo. 

Non esistono stazioni ferroviarie in questa località. Potete tuttavia prendere l’autobus: nella stazione Plaza de Armas del capoluogo l’impresa Damas copre tutti i giorni il tragitto fino a El Ronquillo. 


Come muoversi

Sarà piacevole visitare questa piccola località passeggiando, o se preferite, attraversando in bicicletta l’ambiente naturale circostante. Approfittate per fare trekking lungo Vía Verde e ammirare paesaggi da favola al sorgere de sole. 


Ragioni per visitare El Ronquillo

  • Percorrete la Vía Verde di El Ronquillo e scoprite un paesaggio da sogno bagnato dal Bacino La Minilla. 
  • Vi piace la pesca? Provate con le carpe.
  • Informatevi sulla storia della Locanda del Ronco per conoscere le origini di questa località. 
  • In febbraio avete un appuntamento con la festa della Candelora. Tutto il villaggio raccoglie legna e accende falò nelle strade, prolungando i festeggiamenti fino all’alba, e il giorno seguente porta ciambelle di pane in chiesa per farle benedire ed evitare le infreddature. 
  • Segnatevi in marzo il Campionato Andaluso di Nordic Walking, camminata nordica, che si svolge a El Ronquillo, attraverso il suo paesaggio naturale.
  • Celebrate una Domenica delle Palme diversa con la Fiesta de Los Judas, dove gli abitanti di El Ronquillo appendono per scherzo pupazzi lungo le strade.
  • Gustate la deliziosa gastronomía: spezzatini con carne di cervo o cinghiale, riso con coniglio, revueltos di gurumelos e carni essiccate elaborate nelle macellerie del villaggio. 
  • In maggio si svolge Las Cruces, un evento che riprende un’antica celebrazione, La Mayordomía, e consiste nello scegliere una coppia giovane e vestirla con un abito tradizionale, cantando canzoni popolari.


Cosa visitare

Questo piccolo angolo sivigliano vi sembrerá una splendida cartolina; rimarrete incantati dalle strade fiancheggiate da case bianche e dal suo patrimonio storico. Nel centro urbano sorge la Chiesa del Divino Salvatore, ubicata in Plaza de la Constitución, un luogo pieno di vita. Questa chiesa si distingue per le sue colonne salomoniche. Nelle vicinanze si trova la Locanda del Ronco, il primo edificio della località, al quale deve il nome. Attualmente è un’abitazione privata, ma fa parte della storia di El Ronquillo. 

Continuate la passeggiata fino a aggiungere Plaza de España, dove si trova il Municipio. Verificherete come la strada originale che unisce Siviglia a Mérida, la A-630, attraversa questo villaggio, che per questo motivo fu sempre luogo di riposo per i viaggiatori che la percorrevano. A cinque minuti da qui sorge il Santuario della Grazia, circondato da pini centenari, che ospita la Santa Patrona, molto venerata dagli abitanti di El Ronquillo, che celebrano le feste in suo onore a inizio settembre. 

Nel villaggio vi sono anche due sculture omaggio alle antiche professioni dei suoi abitanti: il Carbonaio e il Raccoglitore di ghiande, mestieri che in passato hanno mosso l’economia rurale di El Ronquillo. La scultura del Carbonaio, che rende omaggio al venditore di carbone destinato ai bracieri, si trova in Calle Romero Martel; quella del Raccoglitore di ghiande è situata in Plaza Altozano. 

Ora tornate a Plaza de la Constitución e dirigetevi verso Calle Cantarranas, fino ad arrivare al Parco di Osservazione Naturalistica, dove avrete la possibilità di conoscere le varie specie naturali, oltre alla flora autoctona dei dintorni. 

E per concludere, la Vía Verde si snoda appena fuori dal villaggio nella Diga La Minilla; potrete percorrerla facendo trekking o in bicicletta. Alla fine di questa strada vedrete un’antica stazione ferroviaria trasformata in ristorante. In questo sito potrete trascorrere una giornata con barbecue nella zona ricreativa.


Luoghi di interesse

  1. Santuario di Nostra Signora della Grazia
  2. Chiesa Parrochiale del Divino Salvatore
  3. Plaza de España, secolo XVIII
  4. Plaza de la Constitución, secolo XV
  5. Locanda del Ronco, antica casa del secolo XVIII
  6. Monumento al Carbonaio
  7. Monumento al Raccoglitore di Ghiande
  8. Parco di Osservazione Naturalistica
  9. Via Verde del Ronquillo e bacino La Minilla


Dintorni

El Ronquillo si trova tra le colline pedemontane della Sierra Morena a soli 46 chilometri dalla capitale andalusa. È attraversato da una delle strade più antiche della Spagna: la Vía de la Plata. L’area circostante è bagnata dai fiumi Huelva e Cala, con paesaggi spettacolari come Los Cachones. 

Territorio
La Vía de la Plata
Estensione
76.00 Km²
Altitudine
352.00 m
Nº abitanti
1.424
Etichette

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.