Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Legato Fratelli Álvarez Quintero

339
0

I fratelli Serafín (1871-1938) e Joaquín (1873-1944) Álvarez Quintero erano nativi di Utrera, dove vissero nei primi anni della loro vita.

Il loro lavoro, marcatamente regionalista e ispirato alla vita quotidiana d’atmosfera andalusa, si basa sula farsa e sull’intermezzo. Buona parte del loro successo si deve all'aver saputo creare tipi e atmosfere - a volte topici - che trovarono grande riscontro nel pubblico.

La collezione ha essenzialmente un valore testimoniale e documentario. Si compone di mobili e oggetti, sia da scrivania, sia figurine decorative in argilla smaltata, metallo o gesso, che si traducono in ricordi personali, oltre a vasi, bastoni, orologi, etc.

L’esposizione comprende anche 48 dipinti, la maggior parte di artisti andalusi, tra cui opere di García Ramos o Villegas Cordero, disegni firmati da Gonzalo Bilbao, Valeriano Bécquer, Gustavo Bacarisas e persino uno dello stesso Joaquín Álvarez Quintero. Le fotografie sono più di 150, per la maggior parte ritratti dedicati ad attori, attrici e persone legate al mondo del teatro, come María Guerrero, Margarita Xirgú, Maruchi Fresno, Eduardo Marquina, Pastora Imperio...

Molto importante in questa collezione è la biblioteca personale dei fratelli Quintero, composta da oltre 4.500 volumi, riviste comprese. Il valore di questa biblioteca è rafforzato dalla presenza di documenti dattiloscritti, tra i quali vi sono varie commedie, diplomi (la nomina a illustri figli di Siviglia nel 1910 e di Utrera nel 1914; la nomina ad Accademici) e lettere.

Categoria
Orari

Si può visitare su richiesta, telefonando alla Casa della Cultura (955 86 09 31). 

Entrata gratuita
 

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.