Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Plaza de España

1069
1

La Plaza de España occupa 50.000 metri quadrati ed è situata sull'estremo nord-est del parco di María Luisa. Fu costruita dall'architetto Aníbal González tra il 1914 e il 1929 in vista dell'Esposizione Iberoamericana del 1929. Oggi è uno dei luoghi più emblematici di Siviglia e uno dei maggiori esempi dell'architettura regionalista.

La sua forma semi-ellittica è un simbolo dell'abbraccio tra l'antica metropoli e le sue colonie. L'edificio che la costeggia si affaccia sul Guadalquivir, luogo in cui venne intrapreso il viaggio verso le Americhe. L'itinerario di visita del complesso architettonico della Plaza de España è una passeggiata lungo la storia della Spagna. Lungo le ali ricurve della piazza sono sistemate 48 panchine decorate con murales in ceramica che raffigurano monumenti caratteristici o un momento storico delle varie province spagnole. Le panche dovrebbero essere in verità 50 invece di 48, ma quando venne costruita la piazza, le Canarie avevano solo una provincia. 

D'altra parte, Siviglia non compare rappresentata assieme al resto delle province dato che è invece raffigurata su altri quattro murales della piazza. Sulle 48 panche della Plaza de España ci sono 48 busti che rappresentano illustri personaggi della storia spagnola come Quevedo o Velázquez.

Si tratta del monumento di Siviglia più visto nella storia del cinema. È comparso in film classici come Lawrence de Arabia e Il vento e il leone, o in altri più moderni come Star Wars: l'attacco dei cloni o Il dittatore.

Quando la Plaza de España fu costruita, si pianificò che dopo l'Esposizione Iberoamericana, avrebbe ospitato l'Universidad Laboral di Siviglia. Ciò nonostante, alla fine ospitò vari organismi ufficiali come la Delegazione del Governo dell'Andalusia e la Confederazione Idrografica del Guadalquivir.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.