Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Piccola cappella di San José

172
0

Sita nella città di Siviglia, la costruzione della Cappella di San José fu promossa dalla corporazione dei falegnami che, dopo essersi riuniti in consiglio, decisero nel 1746 di ampliare il vecchio tempio costruendo una nuova cappella maggiore, molto più profonda, dotandola di un transetto anteriore, uno spogliatoio e di un coro. Il popolo di Siviglia ha partecipato, e continua a partecipare attivamente alla sua costruzione grazie a donazioni ed elemosine.

I lavori furono completati nel 1766, con l'incorporazione di una sezione ai piedi della vecchia chiesa e la costruzione della nuova facciata principale. Della cappella demolita, rimane solo il soffitto a cassettoni in stile mudéjar dell'ingresso.

In realtà l'attuale cappella è il prodotto di due fasi costruttive avvenute nel Settecento. La prima, di cui rimangono solo la navata, il portale laterale, le due pale d'altare delle colonne salomoniche e la pittura murale della volta, ebbe luogo dal 1698 al 1717 e l'ampliamento, che si fece dal 1746 al 1766, quando si edificò il resto del complesso. Per questo motivo la Cappella di San José presenta quella forte unità barocca che la rende uno degli esempi più significativi del barocco sivigliano.

Nonostante le sue piccole dimensioni, è una delle chiese barocche più ornate della città. Spicca la pala dell'altare maggiore con immagini di Duque Cornejo, oltre a diversi rilievi sulle nozze della Madonna con San Giuseppe.

Da segnalare il suo bel portale principale, abbastanza monumentale per le piccole dimensioni del tempio, costruito in mattoni e piastrelle, in stile barocco come il resto del tempio. La facciata è coronata da un campanile con due corpi in color ocra rosso che contrasta con il tono arancione del resto.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.