Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Mulini Arabi della Aceña

247
0

Comunemente noto come il Mulino della Aceña, compare anche nella documentazione del XVIII secolo tra i mulini ad acqua e battenti di Saldaña. La sua origine risale all’epoca araba. È situato in pieno letto del fiume Guadalquivir, nel tratto tra Cordova e Siviglia. Nel fabbricato attuale, realizzato tra il 1485 e il 1499 sui resti di una possibile prima edificazione dell'XI secolo, intervennero architetti mudéjar che lasciarono la loro impronta nello stile architettonico del complesso, come fecero anche per altri edifici della località, come nel caso della Chiesa di San Giovanni.

Il fabbricato si trova nelle vicinanze di Alcolea del Río, ed è composto da tre moduli separati dalle acque del fiume Guadalquivir. Il primo modulo è attualmente inaccessibile, in quanto l'ingresso si trova nel proprio alveo del fiume. È costruito sulla base di grandi conci di pietra, con una struttura simile alla chiglia di una nave rovesciata, e appare affiancato da due grandi contrafforti. Il nucleo centrale ha una pianta pentagonale ed è coperto da una volta a mezza botte, suddivisa in tre sezioni disuguali, separate da lesene realizzate in pietra e mattoni. Sul lato nord mostra un leggero scaglionamento, con due macine situate al centro. Il terzo modulo ha una pianta pentagonale ed è coperto da una volta a stella, formata da un incrocio di travi. Il suolo mostra uno scaglionamento verso il fiume, anche al suo interno si trovano delle mole. Il complesso, sul fronte meridionale, è delimitato da un frangiflutti che si immette nel fiume, costituito da conci e ciottoli.

Etiquetas

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.