Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Eremo di Nostra Signora della Guida

178
0

L'Eremo risale al periodo almohadi, datandosi, la sua edificazione, tra il 1147 e il 1269. L'edificio fu ritoccato nel XVI secolo e, successivamente, nel XIX.

Rientra nella tipologia degli edifici di origine orientale destinati a scopi religiosi, a mo’ di piccolo oratorio, situati nelle periferie delle città, vicino alle strade. Si denominavano morabito (“eremo”) o rabita (“convento fortificato”) e sopravvivevano grazie all'elemosina dei credenti.

Il suo nome attuale è dovuto al fatto che nel maggio 1525 vi apparve un'immagine della Vergine Maria, che sarebbe stata chiamata “della Guida”, e a cui si decise di dedicare l’eremo.

Dal 1634, e fino all'estinzione delle “Signorie” nel XIX secolo, appartenne al Conte Duca di Olivares, essendo, Camas, acquisita da Pedro de Guzmán, in quella data.

Fu a rischio di crollo, per cui gli si dovette annettere una navata a due spioventi. Alfonso Jiménez provvide al suo restauro nel 1974 e 1975.

La testata ha pianta quadrata ed è coperta da una cupola ottagonale su trombe, decorata internamente da arcate cieche di piccoli archi mistilinei e a sesto acuto, che poggiano su colonne.

Quando si annesse la navata a due spioventi, la parte centrale diventò la navata principale.

Sono presenti pitture murali del XVI secolo sulle pareti a destra, tra quelle che sorreggono la cupola.

All'interno, nell'Altare Maggiore, si trova la scultura lignea della Madonna della Guida, titolare dell’Eremo, un'Immagine di quelle di “candelero” (“Madonna da vestire”) del XVII secolo, con Gesù Bambino tra le braccia. Altre sculture lignee degne di nota sono un'Immagine del XVII secolo di Santa Lucia, un medaglione con rilievo del Padreterno della fine del XVI secolo e l'Immagine del Santissimo Cristo delle Tre Cadute del XX secolo.

Etiquetas

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.