Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa Priorale di Santa María de la Asunción e la sua Esposizione Permanente

321
5

Massimo esponente dell'architettura religiosa di Carmona nonché l'edificio più grande.

L’antica moschea almohade venne demolita nel 1424 per edificare il tempio cristiano, la cui prima fase venne terminata nel 1518. Di questa si conserva il patio delle abluzioni.

Il settore più antico del tempio è formato dal Patio degli Aranci che si trova addossato al muro sinistro. Il patio presenta una galleria porticata su due lati. 

La vera importanza di questo complesso architettonico risiede nel tempio cristiano, concepito secondo l’estetica tardogotica andalusa. Il tempio, di grandi dimensioni, presenta pianta a salone, con tre navata e cappelle situata tra i contrafforti laterali. La costruzione avvenne in due fasi nel XV e XVI secolo. Nella prima si realizzò il coro e nella seconda svolse un ruolo importante Diego de Riaño. Del periodo barocco si conservano la Puerta del Sol e la cappella sacramentale. I lavori della torre iniziarono nel XVI secolo e si conclusero nel XIX secolo. Il secondo blocco della navata centrale presenta grandi finestre a sesto acuto gotiche con vetrate che danno luce all’interno dell’edificio. Il capitello e l’orologio sono dovuti a una donazione di Carlota Quintana.

La torre si trova ai piedi della chiesa e occupa uno spazio tra il Patio degli Aranci e la cappella battesimale situata sul lato del Vangelo.

La visita alla collezione permanente si realizza insieme alla visita alla Chiesa Priorale di Santa María. Questa esposizione raccoglie oltre 150 oggetti di arte orafa, ricamo, letteratura, pittura e scultura di diverse epoche e stili che lasciarono il segno nella parrocchia di Santa María durante otto secoli.

BIC dal 1931 (Boletín oficial: Gaceta del 4 giugno 1931)

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.