Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di Santa Maria dell’Alcor

101
4

La Chiesa Parrocchiale di Santa Maria dell’Alcor si trova sopra un eremo francescano, esistente dal 1260 e la cui struttura aveva origine da un eremo musulmano, costruito dal 1470 fino agli inizi del secolo XVI. Così l’edificio è stato oggetto di costanti trasformazioni, tra cui le più importanti furono apportate nel 1640 a causa di un grande incendio; nel 1837 subisce le conseguenze dell’alienazione dei beni ecclesiastici da parte dello Stato e nel 1936 fu saccheggiata dal bando anticlericale nel quadro della Guerra Civile spagnola.
 
Lo stile della chiesa appartiene al moresco sivigliano, con pianta a tre navate, (quella centrale doppia rispetto alle laterali), separate da pilastri cruciformi sui quali poggiano archi a tutto sesto con alfiz1 e capocroce poligonale coronato con una cupola rinascimentale. La copertura consiste in un soffitto a cassettoni molto semplice.

All’interno è dotata di coro basso o sottocoro con stallo rococò. Nel presbiterio si erge la pala d’altare maggiore, che è neoclassica, con tre corridoi da due corpi ciascuno, sopra un enorme banco, coronata da una cornice e dominata dall’immagine della patrona della città, Santa Maria dell’Alcor e del Lignum Crucis superiore; ai lati della pala spiccano due enormi tele con pitture del secolo XVII di influenza veneziana che rappresentano Santa Caterina e  San Francesco di Assisi mentre riceve le stimmate. 

Sul lato del Vangelo si trovano la Cappella del Cristo dell’Amore, costruita sopra la torre punica di difesa, una pala d’altare rinascimentale, la sacrestia, con una cassettiera in legno intagliato agli inizi del secolo XVIII e la Cappella Sacramentale, con una pala d’altare neoclassica dominata dall’immagine della Vergine dei Dolori.

  1. Ornamento architettonico, costituito da uno stampo, di solito un pannello rettangolare, che racchiude il lato esterno di un arco.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.