Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di San Eustaquio Mártir

98
1

La Chiesa di San Eustaquio è in stile mudéjar e si trova nel punto più alto del centro storico di Sanlúcar la Mayor. Secondo la tradizione, si pensa che la chiesa di San Eustaquio venne costruita sui resti di un antico tempio romano dedicato al sole.

La Chiesa di San Eustaquio è costituita da tre navate separate da archi a sesto acuto. Al suo interno troviamo un retablo principale in stile barocco (XVIII secolo). Sulla sinistra osserviamo un retablo rococò con un’immagine della Virgen de los Remedios e un’altra del Cristo de la Salud, entrambe del XVI secolo. Nella navata laterale destra si trovano le immagini della Concepción e di San José, sculture del XVI secolo, e nella cappella del Tabernacolo quella della Virgen de Fuentes Claras (XV secolo). 

Presenta inoltre immagini, dipinti e retabli del XVI, XVII, XVIII e XIX secolo. Per quanto riguarda la venerazione di San Eustaquio, sappiamo che nel 1570 era già considerato il patrono della località, ma fu durante l’epoca del Conte-Duca di Olivares quando si rinnovò il fervore per il martire cristiano poiché, al ritorno dal soggiorno a Roma come ambasciatore di Enrique de Guzmán, questi portò in Spagna numerose reliquie, tra qui quelle di San Eustaquio, le quali vennero donate a varie istituzioni come la cattedrale di Siviglia o l’Hospital de los Venerables.

Ecco allora che possiamo dire che, a causa della stretta relazione della casa di Olivares con Sanlúcar la Mayor, questa devozione per San Eustaquio si vide rafforzata. A tal punto che venne commissionata una statua in legno del santo, risalente al XVI e XVII secolo, e che si ritiene possa essere opera di Martínez Montañés.
 

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.