Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Casette degli inglesi

344
2

Nel 1927, un'azienda inglese (Islas del Guadalquivir S.A.) acquistò vari terreni, tra cui 25.000 ettari appartenenti al Marchese di Casa Riera, allo scopo di realizzare il prosciugamento e la bonifica di terreni pantanosi su isole e paludi del fiume Guadalquivir, in modo da favorire la produzione intensiva del riso. Il progetto non andò a buon fine per motivi economici; fu comunque il primo serio tentativo di istituire una coltivazione intensiva del riso in questa zona. 

Questa società diede inizio alla creazione di piccoli centri abitati (Dora o Colinas, Rincón de los Lirios, Alfonso XIII, El Puntal, Veta de la Palma e Reina Victoria) e alla costruzione di numerosi alloggi ed edifici sparsi su tutta la Isla Mayor, destinati ad alloggiare i primi coloni delle risaie. 

La caratteristica struttura di questi alloggi è a base rettangolare e parte superiore di forma ovale. Rivestono interesse etnologico, culturale e storico in quanto permettono di conoscere com'erano le condizioni di vita e gli usi dei primi colonizzatori e abitanti della zona di risaie delle paludi del Guadalquivir.

Attualmente questi edifici sono sparsi in tutto il comune.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.