Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Belvedere Metropol Parasol

214
0

I Setas de Sevilla (lett. "funghi di Siviglia") noti anche come progetto Metropol Parasol dell'architetto Jürgen Mayer, costituiscono la struttura in legno più grande del mondo. 

Il monumento è distribuito su cinque livelli e su ciascuno di essi è situato un ambiente. Al primo piano sono situati l'Antiquarium o Museo Archeologico, il negozio ufficiale Setas de Sevilla, un Punto di Informazioni Turistiche della città, il Past View e l'accesso agli ascensori; al secondo piano sono situati il mercato e i locali di ristorazione; sul terzo si apre uno spiazzo sopraelevato aperto alla cittadinanza; al quarto piano inizia il percorso delle passerelle e sono presenti un bar e una zona eventi che occupa 500 metri quadrati. Infine, all'ultimo piano, a 28,5 metri di altezza, è possibile usufruire del bellavista. 

Dal bellavista dei Setas de Sevilla è dunque possibile ammirare una vista panoramica a 360 gradi; le passerelle conducono lungo un percorso di una lunghezza totale di 250 metri che permette di contemplare la città da punti di osservazione differenti. A partire dall'inaugurazione, il Mirador Setas de Sevilla si è convertito in un importante punto di grande richiamo turistico della città di Siviglia ed è una visita turistica obbligata. 

Nella fase iniziale dei lavori di costruzione del Metropol Parasol sono stati rinvenuti dei reperti, appartenenti in gran parte a epoca Romana, a partire dall’epoca di Tiberio (30 d.C. circa) fino al VI secolo, nonché una casa islamica almohade risalente al XII e XIII secolo. I resti archeologici sono situati su di una superficie totalmente sgombra che occupa 4.879 metri quadrati, delimitati da separazione in vetro di 1.100 metri quadrati che circonda totalmente i reperti i quali vengono valorizzati nei punti salienti mediante murature pensili e faretti.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.